Squadratura del terreno

In considerazione dell’esposizione del terreno e della sua naturale sistemazione, la squadratura dell’impianto seguirà il più possibile le linee di massima pendenza (impianto a rittochino), lasciando ampio spazio di manovra per le operazioni colturali e di mantenimento normalmente attuate.

Il sesto d’impianto prevede un posizionamento delle piante secondo uno schema di sesto d’impianto di 80X270 cm (distanza tra le viti=80 cm; distanza interfilare=270 cm) per permettere la migliore esposizione dell’apparato fogliare all’irraggiamento solare, per una densità di 4.630 viti/ha.

Per facilitare la prova che vedrà l’impianto delle barbatelle realizzarsi in periodi diversi, il terreno è stato diviso in tre parcelle della superficie di 972 mq ciascuna ed una superficie complessiva netta vitata di 2.916 mq.
Il filare prevede una palificazione di sostegno dell’impianto ogni 4 metri oltre ai pali di testata.